Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

Dark Horse di Todd Solondz

06 set Film | Comments
Dark Horse di Todd Solondz

Mescolando sogni, aspirazioni e realtà, in maniera alle volte indistinguibile, e condendo tutto il consueto humour di situazione, privo di battute quindi, con Dark Horse Todd Solondz riesce nell’impresa di raccontare la delusione di un uomo per se stesso e un certo male di vivere che va a braccetto con il benessere assieme alla presa di coscienza e l’immensa tristezza che si celano dietro un atteggiamento difensivo. Senza nessuna paura di dare torti e ragioni, utilizzando solo musica diegetica e una valanga di silenzi, poi parteggiando senza se e senza ma con il suo protagonista, Dark Horse si pone il più alto degli obiettivi e lo raggiunge. Da inchino e bacio dell’anello. Gabriele Niola, BadTaste
Link: http://www.badtaste.it/recensioni/dark-horse-la-recensione

Sceglie di mascherare il film da commedia, questa volta, Solondz. Ma le parole delle sue sceneggiature cadono come macigni sulla mente dello spettaore e, secondo il procedimento a cui ci hanno abituato, fanno scoppiare una risata che ben presto ti si ritorce contro, ti si strozza in gola quando pensi che, in fondo, il cavallo che ha fallito la sua ultima corsa è ognuno di noi. Andrea Vesentini, NonSoloCinema
Link: http://www.nonsolocinema.com/Dark-Horse-di-Todd-Solondz_23382.html

Todd Solondz cantastorie dei non integrati, dei depressi anticonformisti, fin dall’esordio di Fuga dalla scuola media, con gli ultimi Palindromes e Life during Wartime, entrambi a Venezia negli anni scorsi, sembrava aver imboccato una strada più cupa, più cinica, alla ricerca del mostruoso, del disturbante. Qui invece ritrova leggerezza, senza perdere la sua ironia feroce e caustica. Marco Albanese, Stanze di Cinema
Link: http://stanzedicinema.com/2011/09/04/venezia-2011-il-sesto-giorno/

 


Leave a comment

Please sign in to leave a comment.