Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

Tinker, Tailor, Soldier, Spy di Tomas Alfredson

06 set Film | Comments
Tinker, Tailor, Soldier, Spy di Tomas Alfredson

Se esistesse un museo del cinema dove depositare gli archetipi di ogni genere narrativo questo lavoro di Alfredson potrebbe tranquillamente ambire a fare da pietra di paragone per i film di spionaggio. Adattato da un romanzo di John Le Carré di cui esiste già una versione televisiva, si vede una ricerca ossessiva, spasmodica del regista che vuole a tutti costi aderire ad ogni tratto caratteristico, ogni dettaglio di stile della spy story. A tal fine arriva anche ad utilizzare una fotografia con colori cupi, virati decisamente sull’ocra, per sottolineare quel gusto un po’ romantico e retrò degli anni d’oro dei film di spie. Ci riesce? Indubbiamente, ma lo sforzo gli fa dimenticare il resto del film. Francesco Alinovi, Cinema invisibile
Link: http://www.cinemainvisibile.it/Speciali/venezia68.htm

Film dalla trama complessa che non sempre si segue con facilità, però. Si ha l’impressione che si diano per scontati la conoscenza di alcuni fatti, come se il libro fosse stato letto da tutti. Ma così, ovviamente non è. E il film alla fine, nonostante gli indubbi pregi estetici (bellissima la colonna sonora di Alberto Iglesias) risulta un po’ pesante e di non prontissimo approccio. Le intricate trame e controtrame tessute dalle potenze, rischiano di irretire anche lo sprovveduto spettatore. Daniele Sesti, FilmFilm
Link: http://www.filmfilm.it/film.asp?idfilm=29514

Pesano a favore una regia di grandissimo nitore e padronanza (basti la sequenza che precede i titoli di testa), un gruppo di attori che vede riunito il probabile meglio del cinema britannico (da un gigantesco e ingrigito Gary Oldman a John Hurt a Colin Firth), una assoluta perfezione delle componenti formali. E, come si diceva, una sceneggiatura del tutto classica, costruitissima tanto a livello di situazioni quanto di dialoghi, di quelle che avrebbero fatto la felicità del cinema hollywoodiano di un tempo. Marco Cavalleri, Nouvelle Vague
Link: http://www.nouvellevague.eu/2011/09/06/adaptation/

 


Leave a comment

Please sign in to leave a comment.