Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

Terraferma di Emanuele Crialese

05 set Film | Comments
Terraferma di Emanuele Crialese

Crialese orchestra sapientemente un’opera visivamente accattivante e sincera, sulla quale però pesa un po’ troppo il carico delle molte questioni sollevate – ognuna con implicazioni e risvolti complessi – che rischiano di togilere compattezza al film, costruendo un contesto così denso da distogliere, a volte, l’attenzione dalla vicenda di una famiglia semplice e dalla sua lotta per raggiungere finalmente, così come nelle speranze dei naufraghi immigrati, l’agonata Terraferma. Giacomo Sebastiano Pistolato, NonSoloCinema
Link: http://www.nonsolocinema.com/Terraferma-di-Emanuele-Crialese_23367.html

Film dunque dai pregevoli intenti, ma che Crialese non sempre affronta con il necessario approfondimento. Alcuni momenti della storia sono superficialmente superati ed alcuni personaggi escono fuori da uno stereotipo troppo abusato. Tutti piccoli e grandi dettagli che sviliscono un film che invece stilisticamente conferma Crialese come uno dei registi più visionari e creativi. Valgano per tutte la scena dell’abbordaggio notturno da parte dei migranti o le mirabili riprese dall’alto che accompagnano le ultime sequenze del film. Daniele Sesti, FilmFilm.it
Link: http://www.filmfilm.it/articolo.asp?idarticolo=5373&from=titolo

Dopo “Respiro” e “Nuovomondo”, una nuova pellicola sul mare per Crialese che stavolta compie un viaggio a metà tra l’ospitalità e la diffidenza, le stesse che dividono i lampedusani nell’accogliere i profughi nella loro isola. “Terraferma” è specchio di attualità e sentimenti, quelli che agitano tutti noi tra il desiderio di aiutare il prossimo e la paura che la nostra vita venga stravolta dai clandestini. Arianna Curcio, Film.it

 


Leave a comment